Gli angeli del fango

Poche parole per quello che è successo nella mia amata regione, la Liguria, e nel resto d’Italia.

Il nostro è un paese industrializzato, avanzato del XXI secolo…eppure è fragile fisicamente.

Italia che annega, Italia che crolla. Quando finirà tutto ciò?

Ora che ci ritroviamo in mezzo e davanti agli occhi questo disastro, che ascoltiamo e leggiamo le notizie di terremoti e quant’altro, realizziamo il fatto che l’ambiente soffre, quanto noi, per i maltrattamenti subiti?

Basta al cemento, basta agli abusi edilizi, basta all’abbandono dei rifiuti nei fiumi.

Il riscaldamento globale, che in molti definiscono una pura invenzione e fantasia, è un problema concreto alla cui radice è alimentato e “concimato” dallo spreco energetico, dall’inquinamento e dal consumismo sfrenato.

La nostra Italia è in ginocchio, a livello economico, politico e morale.

L’Italia si sta sgretolando. E purtroppo in Italia si muore anche di pioggia.

Gli italiani, come i cittadini del resto del mondo, stanno capendo, anche se molto lentamente, che noi e l’ambiente siamo una cosa sola.

Se sta male il pianeta, stiamo male anche noi.

E’ giunto il momento di aprire sul serio gli occhi ed essere consapevoli delle proprie colpe. Non dobbiamo attendere di ritrovarci davanti ad immagini terribili per capire che qualcosa va cambiato.

Purtroppo, ma anche per fortuna, nei momenti più neri delle nostre vite riscopriamo uno dei lati più belli delle persone, l’altruismo.

In un abbraccio, in una pala, in un piatto caldo, nell’accoglienza.

Un immenso grazie lo rivolgo in particolar modo a tutte quelle persone che, anche se “disagiate” in questo momento di crisi, hanno donato 2 euro all’emergenza alluvione (tramite il 45500) e anche a tutti coloro che si sono rimboccati le maniche, cioè quei volontari, anziani, ragazzi, stranieri, uomini e donne, definiti come i nostri angeli del fango, che anche in questo preciso istante stanno spalando quella melma soffocante per riportare alla luce la nostra Genova.

(Foto tratta da Panorama)

About these ads

Dimmi la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...