Cosmetici e integratori erboristici: come riconoscere i prodotti naturali sicuri

Oggi su Madreterra trovano spazio gli utili consigli di chi se ne intende di prodotti erboristici e salute: Enrico Nunziati di Rodiola – Rimedi Naturali ci spiega come acquistare un sicuro cosmetico e integratore naturale avendo le nozioni adeguate.

In questo post cercheremo di individuare alcune informazioni fondamentali, anche esaminando la normativa che disciplina il settore salutistico nel nostro Paese, che ci indirizzeranno verso prodotti naturali e venditori sicuri.

Cosmetici:

Produzione, vendita e confezionamento dei cosmetici sono disciplinati da direttive dell’Unione Europea, recepite anche dal nostro ordinamento. La produzione avviene unicamente con l’impiego di sostanze ammesse dal nostro ministero e da laboratori che abbiano i requisiti necessari per la produzione di tali prodotti. Ogni laboratorio ha degli obblighi burocratici, come ad esempio la redazione di dossier tossicologici per ogni singolo prodotto immesso in commercio, che servono a certificare la sicurezza di impiego del prodotto commercializzato.

Sulla confezione dei cosmetici devono essere riportate alcune informazioni obbligatorie relative alla sicurezza d’uso. Tra le più importanti vi sono il PAO (Period After Opening) e l’INCI (International Nomeclature Cosmetic Ingredient).

Il PAO indica quanto il prodotto si conservi dopo la prima apertura. Il simbolo è un vasetto aperto con all’interno un numero (generalmente 6, 12, o 18) che indica, in mesi, la durata del prodotto dopo l’apertura. Ciò non sta comunque ad indicare la scadenza del prodotto integro e correttamente conservato che è normalmente superiore. Se il prodotto ha una validità inferiore a 30 mesi deve essere riportata la data di scadenza.

L’INCI è l’elenco dei nomi scientifici (Ingredienti) delle sostanze presenti nel prodotto, in ordine decrescente in base alla quantità utilizzata, che ci indica anche quali prodotti non naturali sono stati impiegati o se all’interno del prodotto, ad esempio, vi è traccia di sostanze alle quali potremmo essere allergici.

Continua a leggere

Aveda, parrucchieri e saloni di bellezza amici del Pianeta e delle donne

E’ possibile andare in un salone di bellezza per curare i propri capelli senza ricorrere a creme, shampoo, lacche e lucidanti che contengano “schifezze” per l’ambiente e il nostro corpo? Parrucchieri in giro ce ne sono tanti, la maggior parte utilizza marche sì prestigiose ma anche dannose per il nostro cuoio cappelluto. Per fortuna alla salute delle nostre chiome e bellezza ci pensa Aveda, marca internazionale che ha saloni e spa sparse un pò in tutto il mondo, promotrice di prodotti sviluppati da professionisti, clinicamente testati (non sugli animali), che rispettano il più possibile il nostro pianeta. Anche in Italia possiamo servirci dei loro saloni o acquistare presso di essi questi prodotti per la cura dei capelli e del corpo (sul sito americano è possibile farlo anche online!). E’ da qualche tempo che ne sto usando alcuni con molta soddisfazione (in alternativa alla mia saponetta ;)), tra cui anche dei trucchi della loro linea di cosmetica bio, e mi sono trovata davvero bene! Prima di tutto quello che mi piace di Aveda è che impiega sempre di più (e mi auguro che raggiunga la totalità) ingredienti di derivazione naturale, composti per il 50% da molecole vegetali e da minerali privi di petrolio. Attualmente più del 90% degli oli essenziali e l’89% delle materie prime a base di erbe hanno ottenuto la certificazione biologica (ed è già moltissimo se li confrontiamo ad altri prodotti professionali per capelli!). Sull’etichetta possiamo trovare, ad esempio, il nome dell’uruku del brasile (dai cui semi si ricava un pigmento rosso, tipicamente utilizzato dalla popolazione amazzonica per dipingere viso e corpo, che Aveda acquista direttamente presso i coltivatori brasiliani Yawanawa), dell’argan del marocco (l’azienda se ne rifornisce direttamente dalle donne marocchine, aiutandole, inoltre, a proteggere e salvare gli alberi dell’argan a rischio estinzione dai quali esse dipendono) o del legno di sandalo australiano (il cui olio viene acquistato presso i coltivatori indigeni, assicurandogli una retribuzione equa per il loro prodotto).
Il packaging impiegato è ridotto al minimo ed è costituito da materiali riciclabili e riciclati post-consumer al 100% (i flaconi e i vasetti). Questo perché (per fortuna) l’azienda è consapevole dell’impatto che può avere sull’ambiente la produzione di ogni singolo imballaggio.
Le note green di Aveda, però, non si esauriscono qui!

Continua a leggere

Burrocacao autoprodotto: ecco la ricetta per avere labbra morbide e protette fai da te

Finalmente pubblico la ricetta del burrocacao fai da te che ho sperimentato e di cui vado pazza ;) Inizialmente avevo cercato in rete la soluzione migliore alle mie esigenze e devo dire che quella che vi illustrerò è tra quelle più semplici da eseguire (velocissima davvero rispetto a tante altre perché non richiede cottura ma si fa a freddo!).

Gli ingredienti necessari sono solo due: burro di karité o burro di cacao (possibilmente bio) e un olio essenziale a preferenza (nel mio caso il tea tree – la melaleuca -, ma potete benissimo usare vaniglia, menta o quello che più vi piacerebbe avere sulle labbra). Inoltre, dovrete dotarvi di un piccolo contenitore con tappo (ebbene si dovrete usare il dito per spalmare il burrocacao!).

Prendete un pò di burro di karité e mettetelo nel contenitore fino quasi a riempirlo (non del tutto perché dovrete poi mescolarlo all’interno e potrebbe uscirvi il composto). Io mi sono aiutata con una paletta che ho trovato in un kit con altri contenitori vuoti (quello per il bagaglio a mano per intenderci) ma potete usare benissimo anche un cucchiaino. Successivamente va aggiunto l’olio essenziale, 3/4 goccie, e mischiare il tutto per qualche minuto. Io ho utilizzato la malaleuca perché è un perfetto anti-herpes (purtroppo almeno una volta all’anno mi viene quindi lo uso come deterrente) ma potete benissimo mettere l’olio che preferite. Dopodiché basta appiattire il burrocacao all’interno del contenitore e il gioco è fatto! Possiamo tranquillamente metterlo in borsetta pronto all’uso. A me piace anche l’effetto che ha sulle mie labbra, molto più di un rossetto o lucido. A mio parere un’idea carina anche come regalo per le amiche!

Quanto ho speso? 12,50 euro per la confezione di burro da 100 ml, 8 euro per 10 ml di olio essenziale di tea tree (ogni olio ovviamente ha un prezzo differente) e per il contenitore 0 euro perché ne ho usato uno che avevo già in casa! Tenete conto che con queste quantità potete rifarlo un sacco di volte e che gli ingredienti sono molto più sani di quelli individuati in certi lipstick in commercio!

Ingredienti necessari: burro di karité, olio essenziale preferito e un contenitore

Continua a leggere

Cosmetica green: come riconoscere gli ingredienti nocivi ed avere un eco beauty-case

Sappiamo cosa c’è nel bagnoschiuma al cocco che ci lascia quel buon profumo addosso o nel rossetto senza cui non possiamo uscire di casa? Molto probabilmente, e soprattutto nella cosmetica della grande distribuzione, in quella di notissime e pregiate marche o in quella di “sotto-banco” di dubbia provenienza, vi sono tracce di parabeni, petrolati, prodotti chimici e altre sostanze dannose per la nostra pelle e salute. Prodotti venduti dopo averli testati…sugli animali. Vi sembra giusto che per sentirci più belle dobbiamo far provare i nostri cosmetici su chi non ha voce e non può ribellarsi? Dato che la legge non lo impedisce possiamo fare noi qualcosa per cambiare. Ovvero scegliere quelle aziende che si fanno in quattro per realizzare prodotti più sani, utilizzando materie prime di origine naturale e biodegradabili, materie prime che non depauperano il pianeta, provati da volontari e con un’inci regolare. Come riconoscere tali aziende? E come individuare il vero prodotto ecobio dalla miriade di “fasulli” che si spacciano per tali?

Continua a leggere

Porta shampoo (in saponetta) fai da te: dalle uova di Pasqua al bagno

Quando andai alla fiera “Fà la cosa Giusta”, ebbi l’opportunità di acquistare allo stand della Lush (nella mia città non esiste questa catena e prima di comprare sul loro sito volevo testarlo) uno shampoo solido, dall’aspetto molto simile ad una saponetta. Posso dire che adoro questo shampoo! Io ho preso “Asfalto bruciato” ma al di là del nome, e di una piccola dose di balsamo al miele e vaniglia della stessa marca che ammorbidisce e profuma i capelli, è un ottimo prodotto…privo di packaging! Sicuramente acquisterò anche altre tipologie (come il loro balsamo solido, di cui allo stand purtroppo erano privi :( ). Mi sta durando tantissimo! A casa in effetti ne usufruisco solo io ma credo di poterlo utilizzare (tutti i giorni) almeno per 6 mesi (un sacco di bottigliette di plastica risparmiate!). Va detto che non bisogna abbondare, giusto strofinarlo brevemente sui capelli.

Una volta usato, però, dove è bene lasciarlo? Premetto che mio padre utilizza qualsiasi saponetta gli capiti a tiro, quindi ho temuto molto per il mio shampoo (sarebbe sprecato per lavarsi le mani!). Quindi il ripiano per il sapone l’ho bocciato immediatamente! Allo stand vendevano anche il porta-shampoo di latta ma sinceramente mi sembrava denaro sprecato. Ecco perciò che me lo sono fatta da me! Dato che in quel periodo ci sono state le festività pasquali (con tanto di uovo al cioccolato), avevo conservato il portauovo di plastica e la carta che lo rifasciava (ero sicura che mi sarebbero serviti prima o poi!).

Diciamo che il più dello “sforzo” è stato realizzare il coperchio. Ho preso un cartoncino spesso racimolato da una confezione di gelato e l’ho ritagliato in modo da ottenerne un quadrato (il portauovo è tondo e io volevo un coperchio che rimanga “appoggiato”, tanto da tenere al riparo la mia saponetta).

Ho fatto un buco al centro con le forbici e poi ho rifasciato il cartoncino con la carta plastificata (che ha un certo livello di impermeabilità, per un pò dovrebbe resistere anche se incrocia acqua e vapore), fissandola con del nastro adesivo.

Con uno stecchino ho bucato la carta all’altezza del foro centrale del cartoncino in modo tale da far passare un nastro all’altra estremità. Per fissarlo sotto il coperchio ho fatto un nodo largo e al di sopra, invece, ho fatto un fiocco (mi servirà da “maniglia“, pomello per alzarlo).

Ed ecco il risultato!

Niente di eccezionale, ma sono molto contenta quando riutilizzo oggetti e materiali apparentemente inutili! Così fatto, ho ottenuto un porta shampoo e anche anti-papà!