FESTA DELL’ALBERO 2008

Vi annuncio che fra pochi giorni, esattamente il 21 novembre 2008, c’è grande furore in tutte le piazze…tutti insieme per festeggiare gli alberi!

Esattamente questa è la quattordicesima edizione di Festa dell’Albero, la campagna che la famosa associazione Legambiente dedica all’azione di piantare nuovi alberi nel terreno, non da una ma da moltissime persone, compresi tanti bambini colmi di gioia per questo evento!

Legambiente chiede a tutti noi cittadini un semplice contributo, ovvero scendere in piazza il 21 novembre e adottare un albero, piantarlo e prendersene cura.

Per spronarci ci dice:

Vuoi una città più bella? Vivibile? Verde?

Hai mai piantato un albero? Ogni angolo grigio e brutto della tua città è il posto giusto! Rimbocchiamoci le maniche e iniziamo a pennellare di verde la nostra città. Il 21 novembre è il giorno perfetto per iniziare. Unisciti alla Festa dell’Albero di Legambiente: una giornata dedicata alla messa a dimora di nuovi alberi e al rispetto della natura.

Grazie alla Festa dell’Albero l’anno scorso, Legambiente e ANVE (Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori) sono riusciti a dare dimora a ben un milione di alberi! E quest’anno siamo ancora più ambiziosi: vogliamo arrivare a quota 1.500.000 per accrescere il nostro contributo verde al protocollo di Kyoto per salvare il Pianeta dall’effetto serra e dal surriscaldamento globale.

Voglio specificare che non dobbiamo sborsare un euro perchè basta andare nelle piazze dove è presente Festa dell’Albero (con in tasca tanta volontà invece del denaro!) e l’albero ce lo regala Legambiente!

Chi fosse interessato può telefonare allo 06 86268352 oppure contattare l’indirizzo e-mail ragazzi@legambiente.eu

QUI potete trovare le Regioni e i luoghi in cui Festa dell’Albero è presente.

Continua a leggere

IO…FACCIO LA SPESA GIUSTA!

Dal 18 al 26 ottobre si dà il via all’evento “Io faccio la spesa giusta”, settimana nazionale dedicata al commercio equosolidale.

Ci sarà anche l’attore Riccardo Sardonè tra i testimonial di questa attesa manifestazione, organizzata da Fairtrade Italia in collaborazione con Banca Etica, La Feltrinelli e Legambiente.

Riccardo ha deciso di sostenere la scelta del commercio equo a fianco di altri famosissimi come Amanda Sandrelli, Pietro Sermonti, Josefa Idem, Andrea De Carlo, Massimo Ghini, Paola Maugeri.

Riccardo sarà tra i protagonisti della prima edizione dei Fairtrade Reading: protagonisti gli scrittori del Sud e i lettori del Nord; dedicata quest’anno a Eduardo Galeano e realizzata in collaborazione con le librerie Feltrinelli in nove città (da Torino a Bari, compresa Genova ;-) ) dove si alterneranno protagonisti del mondo della cultura e dello spettacolo: Patrizio Roversi, Pino Cacucci, Massimo Parlotto, Raymond Dassi, Lino angioli, Saverio Tommasi, Pino Petruzzelli e lo stesso Sardonè. L’occasione della lettura diventa un mezzo per avvicinare i temi più cari al commercio equo: la situazione dei produttori del Sud del mondo e le alternative realizzabili, a partire dal carrello della spesa.
Per la quinta edizione ci sarà, infatti, una vera e propria mobilitazione con l’obiettivo di raggiungere il maggior numero di persone possibili.

Il messaggio: il commercio equo è per tutti, sia per i produttori del sud del mondo, che riescono così a raggiungere un livello più dignitoso di vita; sia per i consumatori che possono acquistare a prezzi accessibili prodotti di alta qualità disponibili nelle maggiori insegne della grande distribuzione italiana.
“Io faccio la spesa giusta” unisce, infatti, diverse catene di supermercati: Coop, Crai, Lidl, Dico, i biologici B’io e Naturasì, Carrefour e Auchan.

In contemporanea, 50 ristoranti self service Cir Food delle province di Modena e Reggio Emilia replicheranno Fairtrade Break, con un focus sugli ananas equosolidali e nelle serate del 17 – 18 ottobre e del 24 – 25 ottobre, 20 bioristoranti in tutta Italia proporranno Io faccio la cena giusta, serate con ingredienti del commercio equo. Continua a leggere

BIODOMENICA 2008

Domenica 5 ottobre è prevista la 9° edizione per la giornata nazionale di informazione e promozione dell’agricoltura biologica

Logo BiodomenicaLegambiente, l’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica e Coldiretti sono i promotori di questa iniziativa intenta a portare la bontà dei cibi biologici nelle piazze delle città italiane:

La Biodomenica, giunta alla nona edizione, è una manifestazione che ogni anno durante la prima domenica di ottobre offre ai visitatori la possibilità di comprare direttamente dai produttori ogni tipo di cibo biologico, dalla verdura fresca, al miele, alle confetture, al pane.

Oltre a questo nelle 100 città in cui sarà allestita la piazza bio, i consumatori potranno partecipare a degustazioni, giochi e spettacoli.
E il bio non fa soltanto bene alla salute, ma anche al clima! Quest’anno, infatti, il tema centrale della grande campagna nazionale di Aiab, Legambiente e Coldiretti sarà la lotta ai cambiamenti climatici, provocati dall’inquinamento dell’uomo.
L’agricoltura biologica, infatti, consuma meno energia ed emette meno gas serra in atmosfera rispetto all’agricoltura convenzionale, non avendo bisogno di pesticidi e altre sostanze la cui produzione comporta notevoli emissioni industriali. Non solo: l’agricoltura bio svolge anche la fondamentale funzione di assorbire nel suolo l’anidride carbonica emessa dagli altri settori, dando così un contributo assai rilevante per abbattere le emissioni dell’Italia per raggiungere gli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto.

Questo processo non solo ritiene la Co2, evitando che si liberi nell’aria, ma fa sì che l’humus biologico diventi più ricco di sostanze organiche, e più fertile.
Senza dimenticare che alimentarsi con il menù della dieta mediterranea, con prodotti di stagione e locali, contribuisce non solo a mantenersi in salute, ma anche a ridurre l’inquinamento.
Aiab, infatti, sposa in pieno la filosofia del cibo a Chilometri zero, come garanzia di freschezza e limitazione delle emissioni inquinanti. Continua a leggere

STOP THE FEVER!

 

Per rimanere in tema con il mio post precedente, navigando sempre sul sito di PULIAMO IL MONDO sono andata a finire su quello di “STOP THE FEVER – effetto serra la cura sei tu”! (sito molto interessante e che consiglio di visitare).

Oltre ad esserci le foto di MARCIA PER IL CLIMA, manifestazione di cui ho parlato precedentemente e che ha avuto luogo il 7 giugno, ho aderito ai 6 impegni di riduzione di STOP THE FEVER:

  1. Sostituire almeno due lampadine da 100 W a incandescenza con le equivalenti da 20 W a basso consumo
  2. Aumentare del 10% la raccolta differenziata
  3. Rinunciare all’automobile almeno una volta alla settimana
  4. Effettuare due cicli di lavatrice a settimana a 40 gradi anziche’ a 90 gradi
  5. Spegnere sempre lo stand-by di un apparecchio elettronico

Questo perchè…

…con semplici gesti quotidiani si può fare molto per migliorare la gestione dei rifiuti del proprio comune e, allo stesso tempo, contribuire a fermare la febbre del pianeta. Riciclare significa infatti, meno rifiuti che finiscono in discarica o negli inceneritori: in questo modo diminuiscono le emissioni di CO2 in atmosfera, il gas ritenuto maggiormente responsabile dell’effetto serra.

Se vuoi aderire anche tu clicca qui.

Tutto questo per dirvi e suggerirvi di aderire a questa campagna di sensibilizzazione o perlomeno di seguirne il consiglio!

PULIAMO IL MONDO IL 26-27-28 SETTEMBRE

Dal 26 al 28 settembre sarà riproposta in tutta Italia l’iniziativa di LegambientePULIAMO IL MONDO“.

Di che cosa si tratta?

Puliamo il Mondo è l’edizione italiana di Clean Up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo. Dal 1993, Legambiente ha assunto il ruolo di comitato organizzatore in Italia ed è presente su tutto il territorio nazionale grazie all’instancabile lavoro di oltre 1000 gruppi di “volontari dell’ambiente”, che organizzano l’iniziativa a livello locale in collaborazione con associazioni, comitati e amministrazioni cittadine.

Puliamo il Mondo è un’iniziativa di cura e di pulizia, un’azione allo stesso tempo concreta e simbolica per chiedere città più pulite e vivibili.
Per raggiungere questo obiettivo serve l’impegno di tutti, cittadini e istituzioni. Serve una maggiore attenzione alla tutela del territorio e un impegno coerente e continuo nel tempo.

Con Puliamo il Mondo si recuperano numerosi luoghi dal degrado e si promuove una efficiente gestione dei rifiuti, una reale riqualificazione delle aree urbane e una più attenta valorizzazione degli ambienti naturali preservandoli dall’abusivismo edilizio e dalla cementificazione.

Io qualche anno fa ho partecipato a questa iniziativa. E’ molto ben organizzata, ma la cosa più bella è quella di condividere insieme ad altri uno scopo comune.

Se non sai cosa fare e se vuoi dare uno scopo alle tue noiose giornate oppure sentirti utile (fidatevi a fine giornata sarete stanchi ma soddisfatti!) partecipate di corsa!!!

Come ho già detto questa iniziativa si svolge in tutta Italia (se volete sapere quali Comuni vi hanno aderito e dove si svolge, cliccate sulla cartina…per i liguri, invece, andate direttamente qui ;-)

Per chi vuole partecipare ma non sa come fare clicchi qui

Spero di aver dato suggerimenti utili per chi vuole aderire o saperne di più su PULIAMO IL MONDO!

Intanto vi lascio con una chicca…lo spot della manifestazione 2008…molto carino e divertente (anche noir se proprio vogliamo)…con un messaggio ben chiaro…