La spazzatura? Mica la butto…io la vendo!

Notizia, notiziona…ha aperto da pochi mesi il primo negozio che acquista i nostri rifiuti!

Precisamente questa attività si trova a Moncalieri (TO) in via Santa Croce 11/B e il suo ideatore si chiama Paolo Airaldi.

E’ questo un piccolo locale, definito “Ecopunto”, dove qualunque cittadino può portare bottiglie di plastica, carta, alluminio e ferro (puliti però!) ricevendo in cambio del denaro.

Successivamente questi rifiuti vengono acquistati da Recoplastica, azienda che si occupa della gestione e recupero dei rifiuti (di cui Airaldi è proprietario).

Come fanno alcune gioiellerie quando comprano l’oro ;-) , anche qui i materiali “preziosi” vengono pesati e, in base al loro peso, pagati ai cittadini.

Questi materiali vengono ovviamente valutati a seconda delle quotazioni di mercato (in questo momento si dovrebbero ottenere circa 50 centesimi per un kilogrammo di alluminio, 20 centesimi per un chilo di ferro, 18 centesimi per un chilo di PET e 5 centesimi per la carta).

Una volta venduti, i rifiuti vengono compattati ed inviati alla Recoplastica, finendo poi nella filiera per il riciclaggio.

All’interno del piccolo negozio l’arredamento è unicamente costituito da materiale riciclato: i bicchieri di plastica si trasformano in tappetini per il mouse e alle pareti ci sono i disegni di bottiglie e imballaggi.

Questa iniziativa, per chi la raccolta differenziata già la fa, è un guadagno aggiunto alla buona azione che ha sempre compiuto, ma, soprattutto, per chi la raccolta non l’ha mai fatta è un incentivo succulento che invoglia al riciclo. Continua a leggere