CONAI premia le tesi di laurea Green Jobs

Nel quadro delle attività avviate nel nostro paese per favorire la sostenibilità ambientale attraverso la promozione della raccolta, del riciclo e recupero dei rifiuti d’imballaggio, CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, ha istituito il premio Tesi di Laurea Green Jobs, un progetto che ha l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di un’economia e un’industria sempre più sostenibili, favorendo l’inserimento di giovani “green oriented” nel mondo del lavoro grazie a 10 stage retribuiti della durata di 6 mesi presso aziende che operano nella green economy.

Per riuscire ad aggiudicarsi i 10 “green jobs” è necessario essere laureati in discipline economiche e ingegneristiche e presentare, entro il 7 ottobre, la propria tesi di laurea necessariamente attinente alle tematiche ambientali, tecniche ed economiche connesse al riciclo dei rifiuti di imballaggio.

Per avere maggiori informazioni, scaricare il bando, il regolamento e la scheda di partecipazione andate sul sito di CONAI.

Good luck ;D

P.s. Il termine ultimo per la consegna degli elaborati, inizialmente previsto per il 7 ottobre, è stato posticipato al 4 novembre 2013.

Tecnologia, web e ambiente: dall’e-waste al manifesto delle 5 “R” ecosostenibili

Vi siete mai chiesti dove vanno a finire tutti i nostri acquisti tecnologici una volta dismessi? E che quando aggiorniamo il nostro profilo Facebook, guardiamo un video, effettuiamo una ricerca su Google, controlliamo e inviamo e-mail o scriviamo un nuovo post sul nostro blog  stiamo inquinando?

Ebbene si, anch’io in questo momento sto producendo anidride carbonica, veleno per il nostro pianeta.

Proprio di questo ho parlato nella mia tesi di laurea “Tecnologia, web e ambiente: dall’e-waste al manifesto delle 5 “R” ecosostenibili“.

Copertina della mia tesiIl tutto parte dal concetto di e-waste, meglio (anzi poco) conosciuto in Italia come RAEE, rifiuti derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche…in poche parole sostanze nocive con cui entriamo in contatto, obsolescenza tecnologica, cumuli di apparecchiature nelle discariche, nelle nostre strade e anche nelle nostre soffitte (tutte queste apparecchiature contengono, infatti, anche materiali preziosi e rari utili da riutilizzare in nuove produzioni. Ecco perchè è importante riciclare!), smaltimento illegale nel paesi poveri.

Dato che mi sono assentata per troppo tempo dal mio blog al fine di terminare questo lavoro a cui tengo molto, voglio regalarvi l’indice e l’introduzione della mia tesi sperando sia di interesse e di stimolo per molti ;D, soprattutto per farvi capire che se da un lato la tecnologia e il web inquinano, dall’altro essi, in particolar modo internet, possono essere parte della soluzione e trasformarsi in un’arma vincente nelle mani del nostro pianeta (gli strumenti del web 2.0, dai blog ai social networks, incarnano questo prezioso asso nella manica).

Continua a leggere