21-29 novembre: settimana europea per la riduzione dei rifiuti

Ecco un occasione, per chi non lo ha mai fatto, di ridurre la produzione dei propri rifiuti!

Dal 21 al 29 novembre 2009, infatti, teniamo a freno i secchi della spazzatura perchè è la Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti!

Questa è una iniziativa a livello europeo per sensibilizzare tutti noi e spingerci a ridurre le grandi quantità di rifiuti che produciamo ogni giorno.

Sul sito Meno  Rifiuti ci spiegano:

La Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti è un’iniziativa per promuovere maggiore consapevolezza sulle eccessive quantità di rifiuti prodotti e sulla necessità di ridurli drasticamente. Possono partecipare tutti: organizzazioni, amministrazioni pubbliche, aziende private ma anche singoli cittadini. Basta impegnarsi a ridurre i rifiuti prodotti tra il 21 e il 29 novembre 2009.

Come aderire?
Singoli cittadini e gruppi possono aderire scrivendoci quale sarà l’impegno per la Settimana Europea di Riduzione dei Rifiuti. Il tuo impegno sarà pubblicato sull’home page di menorifiuti.org.

Prima mossa per ridurre i rifiuti? Cercate di acquistare prodotti sciolti, quelli con un minimo confezionamento o almeno quelli con confezioni riciclabili e biodegradabili.

Ecco alcuni preziosissimi consigli tratti dal sito Eco dalle città:

Come consumatori è importante intervenire con le nostre scelte di acquisto, ponendo attenzione sia al volume che alla qualità degli imballaggi. I rifiuti infatti rappresentano un costo a carico della società in cui viviamo, e non bisogna dimenticare che le scelte dei consumatori influenzano fortemente le scelte produttive a monte della catena:

• Preferisci prodotti con poco imballaggio – Ci sono prodotti in cui gran parte dell’imballaggio è utilizzata per scopi promozionali o di marketing, che è inutile per il consumatore ma che a volte può incidere significativamente sul prezzo.• Preferisci prodotti concentrati – Diluendo in acqua i prodotti concentrati riduci notevolmente il volume dell’imballaggio e al momento dell’acquisto non paghi il costo dell’acqua, del maggior imballaggio e dei trasporti ad esso associati.

• Preferisci prodotti “formato famiglia” – Sono più convenienti dei prodotti monodose e sono caratterizzati da un volume di imballaggio inferiore per unità di prodotto rispetto alle confezioni più piccole.

• Preferisci prodotti con contenuto ricaricabile – Ogni volta che utilizzi una ricarica (refill) per un prodotto risparmi all’ambiente un imballaggio molto più voluminoso da smaltire, senza contare che questi prodotti sono spesso più economici.

• Scegli imballaggi costituiti da un solo materiale – Un imballaggio costituito da più di un materiale non è differenziabile, anche se i singoli materiali che lo compongono lo sono; per questo è meglio evitare l’acquisto di prodotti con imballaggi multimateriale.

Non abusare di prodotti “usa e getta” – La cultura dell’”usa e getta” si è molto diffusa nella nostra società, soprattutto per l’apparente economicità e praticità. Non vengono però spesso considerati i costi sociali e gli impatti ambientali correlati a un uso non consapevole di questi prodotti (bicchieri, piatti e posate, rasoi, macchine fotografiche, batterie…). Limitandone l’acquisto a situazioni particolari si riduce notevolmente il volume dei rifiuti prodotti in ambito domestico.

• Per fare la spesa preferisci… – … ai sacchetti di plastica, quelli di carta o ancor meglio di tessuto che potrai utilizzare per molti anni. Ridurrai il numero di sacchetti di plastica in circolazione, che spesso sono tra i rifiuti abbandonati nell’ambiente e che vengono portati dal vento e dal mare in ogni angolo del nostro pianeta.

• Fai il compostaggio domestico

• Bevi solo acqua del rubinetto, così eviti di acquistare bottiglie di plastica.

Pannolini: torniamo a quelli lavabili! Si risparmierebbe una tonnellata di rifiuti per ogni bimbo.

Sempre su Eco dalle città potete trovare degli interessantissimi video su come fare a casa il proprio detersivo, come fare il compostaggio domestico e altro ancora!

Altri siti che parlano della Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti:

Il sito ufficiale europeo della Settimana: www.ewwr.eu (European Week for waste reduction).

Per ulteriori informazioni sulla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti:

Segreteria organizzativa Silvia Musso silvia.musso@cooperica.it – Francesco Rasero francescorasero@cooperica.it – Cooperativa Erica tel. 0173-33777

4 pensieri su “21-29 novembre: settimana europea per la riduzione dei rifiuti

  1. Vorrei segnalare questa nostra iniziativa ^_^

    Dal 21 al 29 novembre, il gruppo Non Solo Ciripà e http://www.pannolinilavabili.info parteciperanno da
    protagonisti alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, una tematica che noi mamme abbiamo il dovere di considerare se non di affrontare.

    Martedi 24 e mercoledi 25 novembre tutte le mamme, i papà, le nonne, le tate interessati agli argomenti pannolini lavabili ed ecogenitorialità, sono invitati nelle stanze-chat a tema, delle piazze virtuali, coperte a turno dai genitori del gruppo, in cui si potranno affrontare i vari argomenti quali la scelta dei pannolini lavabili, la loro manutenzione, consigli per la riduzione dei rifiuti.

    Il sito http://www.pannolinilavabili.info aiuta con dedizione ed imparzialità tutti coloro che decidono di usare i pannolini lavabili con i propri figli e gli enti pubblici e privati che vogliono proporli alle loro utenze. Il sito comprende, tra le altre cose, un’ampia sezione dedicata alle tipologie, il Fai da Te, i Comuni italiani che offrono incentivi all’uso dei lavabili, gli Asili Nido che li accettano e un dettagliato archivio di tutti i negozi che li vendono sul territorio e sul web. A cornice delle informazioni presenti sul sito, c’è il lavoro delle testimonial e delle referenti che offrono consulenze gratuite personalizzate via email o dal vivo e partecipano ed organizzano
    eventi legati all’argomento su tutto il territorio nazionale.

  2. Grande Elena!!!
    Allora parteciperai anche tu?
    Io dovrò decidere se fare nuovamente la settimana a Zero Rifiuti o impegnarmi in qualcos’altro, non so se nell’ambito del volontariato o nel mio privato, magari dedicando la settimana all’autoproduzione di detersivi e cibi… comunque le cose da fare sono tante e bellissime! 😉

  3. @Arianna: grazie per la segnalazione!
    @Francesco: bravo! In molti comuni l’acqua del rubinetto è buonissima e non c’è bisogno di acquistare quella in bottiglia! O nel caso esistono delle brocche con dei filtri che la rendono bevibile.
    @Danda: bravissima, come sempre sei tra le più attive! Ti ammiro davvero molto! Io partecipo, ma soprattutto continuo la mia battaglia in famiglia! Convincerli a usare certi prodotti o indurli a fare la raccolta differenziata è una lotta tutti i giorni 😉 anche se devo dire che molte volte riesco a coinvolgerli!

Dimmi la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...