Un anno a impatto zero: Colin Beavan lo condivide in un libro

Non sapevo chi fosse e non avevo mai sentito parlare del suo libro. Proprio per questo motivo mi piace vagare in libertà nelle librerie…si trova sempre qualcosa di interessante. Ed ecco che un giorno mi capitò tra le mani proprio lui:

Leonie in compagnia di Colin BeavanBeh non il gatto😉 ma il libro.

Colin Beavan racconta, passo dopo passo, la sua esperienza di vita a impatto zero nella città di New York (quasi inverosimilmente tra le più green del pianeta!). L’esperimento, durato un anno, ha visto coinvolti sua moglie, la sua piccola bimba e, addirittura, il loro cane.

Considero questo libro una vera scoperta! L’autore fornisce spunti di riflessione sul problema del riscaldamento globale e sulla scarsità delle nostre risorse, per poi raccontare quello che ha fatto, non senza timori e tentennamenti, nell’arco di un anno di “prova” per “alleggerire” la situazione “Stiamo divorando la nostra “casa””.

Proprio riflettendo su queste metastasi terrestri è scattata in Beavan la voglia di smettere di fare prediche agli altri ma, bensì, di iniziare a pensare che, anche lui, tutto sommato, teneva la testa sotto la sabbia.

“Commettevo l’errore di credere che lamentarmi delle malefatte altrui mi rendesse di colpo più virtuoso.”

Iniziato, perciò, dal suo “Devo fare qualcosa per cambiare la situazione“, Colin ci rende partecipi degli sforzi che lui e la sua famiglia hanno fatto per capire da dove partire con questo progetto e come proseguire, trovare alternative alle “vecchie” abitudini, “fare a meno di” senza sentirne la mancanza, …

“C’è un motivo se i sacchi per la spazzatura non sono trasparenti. E’ per lo stesso motivo per il quale teniamo i resti dei nostri cari chiusi nelle bare. Quello che potremmo vedere ci mette a disagio.”

Insomma, non senza difficoltà (dal rapporto con la moglie, coinvolta controvoglia ma divenuta, in seguito, partner fedele nel bene e nel male, al momento in cui, sinceramente, mette a nudo le sue insicurezze, fino all’apice “Non so dove sbattere la testa” o “Perchè mi sono infilato in questa avventura”), ha dato espressione di poter vivere realmente in pace con sè stessi e con il pianeta. A volte dovendo fare delle rinuncie, in altri casi guadagnandoci.

“Se la mia vita genera sprechi, cosa significa? Uno spreco di risorse è indice di una vita sprecata?”

Un bel libro che consiglio e un bell’esempio fortemente ispirativo.

Colin ha anche un seguitissimo blog, nato all’inizio del progetto e tutt’ora in vita. Ebbene sì…dopo un anno, con alcune modifiche (ad esempio ha riallacciato la corrente), Colin e la sua famiglia non ha smesso…di vivere a impatto zero😉

2 pensieri su “Un anno a impatto zero: Colin Beavan lo condivide in un libro

Dimmi la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...