SuperGreentire: un supereroe nel riciclo delle gomme

Sapete che fine fanno gli pneumatici delle vostre auto una volta sostituiti perché giunti al termine del loro ciclo di vita? Per legge (e buon senso) devono essere smaltiti correttamente da enti appositi.

Greentire è proprio uno di questi enti, o meglio una società consortile senza scopo di lucro, che si occupa della gestione dei vecchi pneumatici ormai non più utilizzabili (anche detti PFU). In che maniera? Recuperandoli, reinventandoli in nuovi oggetti (come ad esempio in aree bimbi, campi sportivi, strade, edilizia, arredo urbano, …), un modo per sfruttare quello che ancora ha del potenziale e per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente.

illustrazione-filiera-pneumatici-fuori-uso

La filiera – GREENTIRE

Il Consorzio, oltre a destinare alla “ricerca e sviluppo” parte del contributo versato dal consumatore per la gestione del “fine vita” degli pneumatici, concentra la propria attività sul recupero di materia al fine di ridurre i quantitativi di rifiuti avviati a recupero energetico, in linea con le priorità indicate dalla direttiva europea.
Greentire utilizza unicamente tecnologie che permettono il recupero pressoché totale della gomma, del metallo e delle fibre tessili presenti negli pneumatici: in questo modo, nulla viene destinato all’inceneritore.

Continua a leggere

Giornata delle Oasi WWF per salvare l’Amazzonia

Il 18 maggio, in occasione della Giornata Oasi 2014, è possibile visitare gratuitamente le oasi protette dal WWF e partecipare alle tantissime attività organizzate per scoprire e avvicinare alla Natura.

Questa edizione si caratterizza ancora di più per il legame che l’allaccia all’Amazzonia, polmone verde capace di immagazzinare enormi quantità di anidride carbonica come pochi altri sistemi della nostra terra e, attraverso il vapore prodotto dagli alberi, capace di ridurre il riscaldamento del Pianeta. Una vera e propria oasi gravemente minacciata dall’uomo. Estesa per 6,7 milioni km2 e habitat di oltre 2,5 milioni di specie animali tra cui mammiferi, uccelli, insetti e piante, casa anche per 33 milioni di persone e 350 comunità indigene, fonte di acqua, cibo, ossigeno, medicinali ed energia, in 50 anni ha visto scomparire un quinto della sua superficie e di conseguenza alcune specie animali e risorse naturali preziose per le popolazioni locali e non.

Ogni anno scompare 1 milione e mezzo di ettari di foresta amazzonica.

E se l’Amazzonia scomparisse? Se vinisse interamente fagocitata dalla fame di progresso? Ecco, rifletti bene su cosa potremmo perdere e al fatto che non è possibile tornare indietro.

Se la deforestazione non venisse fermata entro 25 anni per l’Amazzonia sarà il ‘punto di non ritorno’, con ripercussioni negative sulla nostra vita e su quella delle altre specie.

C’è però un modo per evitare che questo incubo diventi realtà. Agire! Ad esempio contribuendo al rush finale della raccolta fondi promossa dal WWF, iniziata il 1° maggio e che si concluderà il 18, data che coincide esattamente con la Giornata delle Oasi, inviando un sms (2 euro) o chiamando da rete fissa (2 o 5 euro) il 45505. Un piccolo contributo che può salvare il polmone più importante della nostra Terra. Polmone che permette anche a noi di vivere.

La campagna è promossa dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed è supportata da alcuni partner che si sono mobilitati con progetti di raccolta fondi di sostegno (UniCredit, Amazon con Braccialini e Cruciani, Auchan).

Grazie a quanto verrà raccolto, WWF potrà difendere dalla deforestazione illegale una zona a confine tra Colombia, Perù ed Ecuador e garantire una gestione sostenibile, con progetti ad hoc, delle attività economiche delle popolazioni locali.

Se l’Amazzonia scompare, scompare anche il nostro futuro.

#EarthMonth2014: riflettere e agire per il nostro Pianeta

Giornata della Terra 2014

La Giornata della Terra 2014 celebrata da Google

Come ogni anno ad aprile, per il Mese della Terra, vengono promosse iniziative e progetti a tutela dell’ambiente. Un mese per focalizzare l’attenzione sulle vecchie e nuove problematiche che affliggono il nostro pianeta e cercare di sensibilizzare sempre più persone, sempre più cuori. Ecco quelle che mi hanno colpito maggiormente:

Aveda e “La salvaguardia dell’acqua per una vita migliore”

Aveda, famoso marchio green cosmetico, è supporter di questo prezioso elemento fin dal 1999 e quest’anno, in collaborazione con il Cesvi, ong italiana presente in 26 paesi nel mondo con 145 progetti all’attivo, devolverà il ricavato della campagna per progetti idrici nella comunità di Lango in Uganda, intervento già iniziato grazie alla raccolta fondi del Mese della Terra 2013 e che prevede la ricostruzione di pozzi e fonti idriche. Aveda, inoltre, sostiene in contemporanea anche la Global Greengrants Fund, organizzazione no profit che fin dal 2007 focalizza il proprio operato su progetti idrici. In quale modo è possibile contribuire? Ad esempio donando 2 euro per ogni servizio colore prenotato nei Saloni Aveda oppure, come ogni anno, acquistando la candela Light the Way (12 euro), ormai simbolo della campagna, la cui madrina, per questo 2014, è Ellen Hidding, conduttrice tv dallo spirito green, autrice del libro “Fior fior di Idee” (interessante raccolta di tutorial per realizzare centrotavola e decorazioni con materiali poveri e riciclati).

foto ricostruzione pozzi Uganda Cesvi.

Cesvi per l’Amazzonia: preservare l’anima della foresta

Come abbiamo appena visto, i progetti a cui il Cesvi si dedica sono molti. In Amazzonia, grazie al finanziamento dell’Unione Europea e del Comune di Milano, si vogliono affermare i diritti dei nativi e dare loro la conoscenza tecnica necessaria per preservare le risorse naturali. Cesvi è, infatti, presente nella parte sud occidentale del paese, dove si registra un alta concentrazione di piante tropicali e biodiversità, per occuparsi della formazione delle comunità locali ed incentivare la partecipazione dei giovani alla gestione degli ecosistemi e per fornire il supporto tecnico alle comunità contadine nel processo di raccolta, lavorazione e commercializzazione della noce amazzonica, detta anche castagna. Proprio questo frutto è il protagonista del filmato “Una noce per l’Amazzonia”, un viaggio tra Perù e Bolivia che ripercorre le tappe di un impegno ultraventennale per lo sviluppo delle comunità indigene e lo sfruttamento sostenibile delle risorse forestali. Quando il prezzo cala a livello globale le comunità rurali, per sopravvivere, abbandonano la produzione della castagna per dedicarsi ad attività alternative (estrazione, allevamento) che hanno un impatto negativo sul suolo. Grazie al Cesvi, però, 4.300 contadini locali hanno compreso l’importanza della noce amazzonica sia dal punto di vista nutrizionale sia della sostenibilità ambientale contribuendo, così, alla salvaguardia degli ecosistemi forestali. 

Every Day is Earth Day

Il 22 aprile è la giornata simbolo in cui viene celebrato e festeggiato il nostro pianeta, ma è necessario riflettere ed agire per la salvaguardia dell’ambiente in ogni momento, senza ridursi ad un unico giorno. Come ogni anno, varie sono le iniziative per l’Earth Day, la Giornata della Terra (giunta alla 44° edizione), il cui tema quest’anno sono le “green cities“. Molte città hanno pensato di promuovere la tutela dei parchi. Roma, ad esempio, con “Roma Natura” ha stipulato una convenzione per la protezione delle aree verdi, in particolar modo di quelle della periferia romana.

Presso il Maxxi (Museo per le arti contemporanee del XXI secolo) di Roma, invece, è possibile contemplare “Eroi della Terra“, una raccolta di scatti realizzati dai fotografi della rete di Shoot4Change, un progetto fotografico che ogni anno si rinnova, in occasione della Giornata Mondiale della Terra. Nelle immagini sono state ritratte persone che si sono distinte per il loro impegno nei confronti dell’ambiente, “pionieri del cambiamento che promuovono con l’esempio quello che oggi è un cambiamento culturale cui domani corrisponderà un cambiamento climatico (positivo)”. La mostra verrà inaugurata proprio il 22 aprile e sarà visitabile fino a fine mese. Dopodiché dal 1 all’11 maggio una selezione delle fotografie farà tappa al Gianicolo. Dal 5 giugno, invece, la mostra diventerà permanente presso il Centro Elsa Morante, centro culturale di eccellenza della periferia romana.

Mostra fotografica "Eroi della Terra: "Perdono" di Settimio Benedusi

Mostra fotografica “Eroi della Terra: “Perdono” di Settimio Benedusi

“Salviamo le api” con Greenpeace

A partire dalla fine degli anni ’90, molti apicoltori hanno iniziato a segnalare un’anomala diminuzione nelle colonie di api, principalmente nei Paesi dell’Europa centrale e meridionale. Sia le api domestiche che quelle selvatiche rivestono un ruolo fondamentale per la produzione degli alimenti: senza gli insetti impollinatori si farebbe difficoltà a trovare il cibo utile alla sopravvivenza. Fino al 35% della produzione di cibo a livello globale dipende dal servizio di impollinazione naturale offerto da questi insetti; delle 100 colture da cui dipende il 90% della produzione mondiale di cibo, 71 sono legate al lavoro di impollinazione delle api. Se gli insetti impollinatori continueranno a diminuire come sta succedendo da anni (la colpa principale è da ricondurre ai pesticidi), molti alimenti potrebbero non arrivare più sulle nostre tavole. Greenpeace chiede a tutti noi di contribuire alla salvaguardia di questi preziosi animali diffondendo l’allarme nella nostra rete di conoscenze online e offline, firmando la petizione sul sito salviamoleapi.org, piantando in giardino e sui nostri balconi le piante amiche delle api, evitando di utilizzare i pesticidi chimici o costruendo degli alveari fai da te per accoglierle e proteggerle.

Nel film-documentario “Un mondo in pericolo“, del regista Markus Imhoof, viene descritta in modo emozionante la vita dell’alveare. Magico ma anche fragile ecosistema costantemente in pericolo.

Letture green: “Fukushima e lo tsunami delle anime” di Paolo Salom

11 marzo 2011, una data che in molti non potranno dimenticare. Sono già passati 3 anni da quando in Giappone si aprì un’enorme ferita: ancora oggi si contano i danni provocati dal terremoto, dallo tsunami e dai reattori della centrale di Fukushima.

I numeri: 18.000 vittime tra morti e dispersi, un terremoto di magnitudo 9.0, più di 250.000 persone che ancora vivono in rifugi temporanei nelle zone colpite dal disastro.

In aggiunta, tutt’oggi persiste l’incubo delle acque radioattive accumulate all’interno della centrale Dai-ichi di Fukushima, un impianto che sì si è stabilizzato ma in cui vengono ancora utilizzate ingenti quantità di acqua per raffreddare le anime fuse dei 3 reattori, acqua contaminata che dai serbatoi di stoccaggio in parte finisce nell’Oceano Pacifico.

Ora c’è la probabilità che il governo approvi un nuovo progetto di politica energetica post Fukushima che prevede l’aggiunta di fonti rinnovabili e combustibili fossili, senza però abbandonare l’idea del nucleare (dagli errori/orrori non si impara mai abbastanza) perché economicamente conveniente.

Fukushima_SalomVolendo conoscere da più “vicino” i fatti concreti, anche da un punto di vista che si distacca dalle fredde cifre, ho voluto leggere “Fukushima e lo tsunami delle anime – Come vivono i giapponesi a un anno dal disastro” di Paolo Salom, giornalista del Corriere della Sera inviato nel paese subito dopo lo tsunami per riportare la crisi nucleare. Nel libro viene raccontato di come e quanto sia cambiata la vita dei giapponesi e di un’intera nazione che si è ritrovata di punto in bianco a mettere in discussione il rapporto con la tecnologia e la natura, a mettere in discussione l’idea di progresso.

Salom ascolta le parole dei politici e le testimonianze delle persone che incontra durante il suo viaggio, storie di chi ha vissuto sulla pelle quel terribile giorno. Le reazioni-emozioni di una nazione impreparata ad un evento catastrofico di questa portata.
Testimonianze di sfollati, vedovi, intellettuali, pensionati i quali, nonostante la forza d’animo e la riservatezza, non nascondono preoccupazioni per il futuro.

Tra i racconti spiccano quello della scrittrice Wataya Risa, considerata l’erede di Banana Yoshimoto, la quale spiega l’atteggiamento tipicamente orientale di affrontare le sciagure: senza lamentarsi e cercando una soluzione.

“Persino i miei personaggi lottano, ma solo sussurrando”.

Continua a leggere

Il crowdfunding, nuovi modi di fare impresa “dal basso”

Negli anni vengono coniati e diffusi nuovi termini e uno molto interessante è crowdfunding. Di cosa si tratta e cosa significa?
Il crowdfunding è un nuovo modo di fare impresa, letteralmente significa “finanziamento dalla folla”, un finanziamento “dal basso” che mobilita persone e risorse. Nello specifico consiste in una raccolta fondi che avviene online per mezzo della nostra rete di contatti, che siano essi amici, follower o fan, e che sfrutta l’enorme potenziale della viralità del web, ambiente che permette l’incontro tra la domanda di finanziamenti da parte di chi promuove dei progetti e l’offerta di denaro da parte degli utenti.
Il crowdfunding è lo strumento attraverso il quale chiunque può diventare finanziatore o essere finanziato, sentirsi mecenate di un progetto nel quale crede o trovare le ali per far volare il proprio sogno.
Come è possibile attivare un’iniziativa di crowdfunding? Ecco alcuni esempi:
Com-Unity, un portale italiano di crowdfundig in grado di offrire un’opportunità a chi ha un’idea e intende realizzarla, utilizzando le potenzialità della rete e dei social network.
Progettato dalla Banca Interprovinciale di Modena, all’interno di Com-Unity è possibile trovare diverse iniziative in ambito umanitario, sociale, culturale e scientifico, alle quali possiamo aderire e contribuire attraverso una piccola o grande donazione. Ogni singolo progetto presentato viene valutato da un comitato etico indipendente che ne verifica la liceità, dopodiché un team di tutor fornisce supporto per quanto riguarda l’iter di pubblicazione mentre la banca gestisce il denaro a garanzia dei donatori e dei proponenti.
Il crowdfunding è un processo collaborativo che vede un gruppo di persone utilizzare il proprio denaro a sostegno di altri, siano singoli individui o organizzazioni.
Su BuonaCausa.org si dà l’opportunità ad associazioni, aziende, donatori ed attivisti di collaborare su iniziative e progetti di valore sociale. In questo modo si consente di dar vita a raccolte fondi, appelli, petizioni ma anche di diventare testimonial per una “buona causa“.
ShinyNote è un’altra piattaforma di crowdfunding Made in Italy nata nel 2009 da un’idea di due bresciani per dare vita a uno spazio condiviso tra organizzazioni non profit e semplici cittadini, uno spazio in cui narrare storie di persone e finanziare progetti di solidarietà.

Abbiamo immaginato un social network fondato su basi etiche.
Lo abbiamo costruito intorno alle storie delle persone, per le persone che sanno rintracciare
nel quotidiano una scintilla di positività e speranza. Perché nessun uomo è un’isola.

Questi sono solo alcuni degli esempi che si possono trovare in rete, l’universo del crowdfunding è molto più ampio. E voi avete mai usufruito di queste piattaforme per promuovere un progetto di valore o magari ne avete finanziato uno?